venerdì 2 maggio 2014

Baccalà impanato al forno, breve storia di un ok



Davide ed io abbiamo una sorta di faida in corso, ovviamente l'argomento è la cucina.
Ebbene, il suddetto non mangia il pesce. Cosa che mi rema un pochino contro, dato che io lo adoro, in tutte le cotture e pietanze.
Non che lui lo rifiuti in assoluto, anzi, è goloso di crostacei e qualche altra varietà. Diciamo che ha una valanga di... come definirle? osservazioni che mi propone quando io gli annuncio che per cena - e ho deciso: non provare a farmi cambiare idea, sai! - ci sarà il pesce.
E no che oggi è lunedì e il pesce non si compra il lunedì.
E no che stasera m'andava tanto il pollo.
E no che è tanto che non mangiamo un bel piatto di pasta.
E no che devo stare attento a tavola e mi mangio solo l'insalatona.
Eh ho capito però che strazio!
Ma io, che son furbetta, l'altra sera gli ho proposto il baccalà, che è una delle specie cui non sa rinunciare.
Cucinato in maniera irresistibile.

Baccalà impanato al forno
Ingredienti:
- 400 gr. di baccalà dissalato
- 1 uovo
- pane grattugiato q. b.
- olio extravergine d'oliva q. b.

Sciacquare velocemente il baccalà sotto acqua corrente e asciugarlo bene.
Appoggiandosi su un ripiano, con il filetto di baccalà orizzontale, staccare la pelle dalla polpa del pesce e ricavare delle porzioni da 50 gr. circa ciascuna.
Asciugare bene il pesce e immergere ciascun pezzo nell'uovo precedentemente sbattuto.
Coprire ogni porzione con il pane grattugiato e fare in modo che aderisca a tutta la superficie del filetto.
Appoggiare il pesce su un foglio di carta forno e irrorare il tutto con olio extravergine d'oliva passato a filo.
Infornare a forno ventilato a 180° fino a quando la superficie non risulta dorata e croccante.

Com'è andata?
Avevo gioco facile, per onestà: come si fa a non apprezzare il baccalà impanato? La cottura al forno, poi, è un buon compromesso, perchè la panatura si fa croccante e la polpa non si secca, ma almeno il pesce non è fritto.
E poi non ci sono i cattivi odori che si spargono per casa quando si decide di friggere!
Ho servito il baccalà con gli asparagi bolliti e conditi con un filo d'olio extravergine d'oliva, poco sale e una spruzzata di limone, una vera delizia primaverile.
Mi è servito per farmi un bel credito...
Quindi d'ora in poi, alla mia ferma (!) decisione di fare il pesce, Davide mi dirà senza dubbio Ok!