giovedì 14 marzo 2013

Charlotte all'ananas, esotica


Ma è mai possibile che in casa mia ci sia sempre una valanga di frutta sciroppata?
In realtà sì, è molto possibile, perché Davide ed io, quando siamo a corto di frutta fresca, amiamo tenere in dispensa quella sciroppata. A fine pasto, qualcosa di dolce ci vuole, per cui meglio la frutta che altro. Purtroppo, però, ci stanchiamo anche di quella e il risultato è che, per consumarla, faccio un dolce, mandando a ramengo qualsiasi proposito di leggerezza...

Questo è uno dei dolci migliori che abbiamo cucinato... su dritta di Stella, che mi ha ricordato di una cena fatta un bel po' di tempo fa con Paola e Cristian... Cristian era l'addetto al dessert e portò questo tiramisù così dolce, e fresco... da spazzar via in tre cucchiaiate.

Io non avevo voglia di tiramisù, per cui mi sono buttata sulla charlotte.

Buono questo!

Charlotte all'ananas
Ingredienti (per 6 mono porzioni):
- 1 confezione di ananas sciroppata
- 500 ml. di panna fresca
- 50 gr. circa di zucchero a velo
- 1 confezione di pavesini
- cioccolato fondente o cacao amaro q. b.

Montare la panna e dolcificarla con lo zucchero a velo, avendo cura di assaggiare il composto. La panna deve risultare piuttosto dolce, dato che la leggera acidità dell'ananas smorzerà il sapore della charlotte.
Immergere molto velocemente ciascun biscotto nello sciroppo d'ananas e foderare di pavesini gli stampini mono porzione, creando il rivestimento sia ai lati sia alla base.
Tagliare i cerchi di ananas in quattro parti.
Procedendo dalla base di biscotto, mettere la panna montata, due pezzetti di ananas, coprire con altra panna montata.
Terminare decorando con due pezzetti d'ananas e una leggera spolverata di cioccolato fondente.
Conservare in frigorifero fino al momento di servire.

Com'è andata?
Detto, fatto: cucinato in dieci minuti, gustato in due.
Anche mia suocera ha apprezzato parecchio, contando che lei non ama la frutta esotica e preferisce i dolci a base di pan di spagna... Non ha esitato a definirli molto molto buoni.
E so' soddisfazioni...